Lorenzo Licitra incanta il popolo Avisino

Sabato 8 il donatore Lorenzo Licitra ha cantato per l’Avis e per la sua città nella grande piazza antistante il campo sportivo, dove si svolge il normale mercato settimanale. Ha cantato in presenza di tre o quattro mila spettatori accompagnato dal famoso gruppo di musicisti di Peppe Arezzo in un’atmosfera surreale ed emozionante. L’ Avis Comunale di Ragusa con il suo presidente Paolo Roccuzzo e il Direttivo, hanno organizzato, nell’ambito dei 40° Anniversario dell’AVIS a Ragusa,  uno spettacolo veramente importante degno del primato che essa ha in Italia e in Europa. L’entusiasmo è partito con l’esibizione di Nico Arezzo, vincitore del Festival Show 2017 nell’Arena di Verona  con la canzone “Se Vuoi”, ma il protagonista della serata è stato Lorenzo Licitra vincitore di X Factor 2018, che fra le mura di casa non ha nascosto l’emozione di trovarsi davanti alla sua famiglia e a migliaia di ragusani che lo hanno acclamato con tutto l’affetto che si ha per un bambino che hanno visto crescere e che è diventato la punta di diamante del mondo della musica moderna. Lorenzo si è esibito, davanti al “suo pubblico” con le sue più belle canzoni che lo hanno reso famoso nel mondo dello spettacolo. La manifestazione è stata presentata con garbo e professionalità ma anche con brio da Michele Arezzo.   Il presidente Paolo Roccuzzo, nel suo intervento iniziale ha ringraziato gli artisti che gratuitamente hanno offerto una serata musicale di altissimo livello , tutti i donatori e le professionalità del mondo avisino ragusano, che ogni giorno si adoperano  per la sua crescita, snocciolando dati importanti  e di sviluppo dell’Associazione diventata grande per merito di dirigenti che negli anni precedenti hanno creduto nell’opera di sensibilizzazione della comunità iblea. Oggi siamo orgogliosi di essere i primi della classe nella musica, nella solidarietà e nella civile convivenza.

                                                                                                                             Giuseppe Suffanti